Spettacolo al liceo Lanza, premiati gli alunni migliori. “Questa scuola è un grande contenitore culturale”

E’ la sera di Lanzinfesta, la manifestazione che il liceo classico svolge prima di ogni Natale accogliendo con premi i ragazzi che hanno finito il corso di studi diplomandosi cum laude, e i centisti.

“Caro Giuseppe, se lasci fare a tua moglie ti ritroverai i ragazzi che ballano sui banchi come in Saranno famosi”. Scherza il sindaco Franco Landella mentre si rivolge al preside del liceo Lanza Giuseppe Trecca. E’ la sera di Lanzinfesta, la manifestazione che il liceo classico svolge prima di ogni Natale accogliendo con premi i ragazzi che hanno finito il corso di studi diplomandosi cum laude, e i centisti. Ma non di solo profitto dei suoi ex vive la serata della scuola. Anche di impegni extrascolastici, e su questo ritorna Landella: “Ovviamente scherzo per dire che questo istituto è un grande contenitore culturale che permette incontri e socializzazione tra ragazzi. Per loro è una crescita culturale”.

“Studio filosofia e ne sono fiera”, dice alla platea una delle ragazze sul palco, “vorrei tornare da insegnante in questa scuola”, fa sapere un’altra studentessa universitaria.  L’attore principale di Edipo re, la tragedia andata in scena l’anno scorso, parla di “lavoro di gruppo, di spazi concessi, di ali da spiegare”. Un concetto che l’insegnante di lettere del triennio, Mariolina Cicerale, declina così: “Dare ai nostri ragazzi le ali per volare senza che si brucino, e dar loro la possibilità di ricordarsi del loro liceo”. I ragazzi migliori dell’istituto ricevono un assegno, dei libri, una spilletta. Sorridono, si rincontrano, si scambiano esperienze ora che l’università ha diviso le loro strade. C’è chi ha realizzato un video avveniristico sull’Italia fra un decennio circa, chi si è ben piazzato in concorsi letterari come il Campiello, la squadra femminile di pallavolo che riceve le sue medaglie. 

La band Fazo suona ‘My silence’, testo e musica scritti da Mario Beccia, un loro compagno scomparso troppo presto. Il pianoforte suona Chopin, le ragazze migliori nelle prove sportive si esibiscono col nastro o a corpo libero. L’organizzatrice della serata è la professoressa Masciello che insegna educazione fisica. Ospite della serata Nicola Rignanese, un attore foggiano che a gennaio collaborerà con il liceo per uno spettacolo. Sono gli incontri extravaganti che impegnano il Lanza nel corso di tutto l’anno: leggere, conoscere, partecipare e selezionare talenti. Auguri!

[wzslider autoplay=”true” info=”true” lightbox=”true”]





Change privacy settings