Ancora una multa per il Foggia, “fatti violenti” durante il secondo tempo contro il Taranto

Altra tegola per il club rossonero nonostante gli appelli del patron Canonico ai tifosi

Nell’undicesima giornata di Lega Pro, il Foggia ha pareggiato 1-1 contro il Taranto al termine di una gara vivace e con frequenti capovolgimenti di fronte da entrambe le parti.
Per il club rossonero, però, il derby disputato allo Zaccheria ha assunto un risvolto alquanto negativo: il giudice sportivo ha deliberato una multa, la terza in sole sei partite in casa, indirizzata al Foggia, il cui importo è di 3.000 euro. Le motivazioni sono da ricondurre a “fatti violenti commessi dai suoi sostenitori integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti nell’aver lanciato, al 49° del 2°tempo, all’interno del recinto di gioco un cilindro di cartone rigido di circa 10 cm che cadeva molto vicino ad uno steward posizionato a bordo campo, senza tuttavia causare danni a persone o a cose”.

Nelle scorse settimane il presidente Nicola Canonico aveva diramato un comunicato ufficiale, per invitare i tifosi ad evitare tali gesti che causano ingenti danni economici alla società. Alcuni sostenitori rossoneri, però, ancora non hanno recepito il messaggio: con quella incassata contro il Taranto, sale a 12.000 euro il bottino di sanzioni per il Foggia. E mancano ancora ventisette partite al termine del campionato…



In questo articolo:


Change privacy settings