Ok al distretto agroalimentare di qualità del vino. “Settore trainante della Puglia”

Il Nucleo promotore del Distretto, guidato da Apollonio Casa Vinicola S.r.l. in qualità di soggetto promotore, è composto da oltre trenta aziende e aggrega imprese, associazioni e istituzioni che si impegnano a realizzare obiettivi comuni, offrendo un sostegno per qualificare e promuovere la filiera dell’uva da vino. Il progetto, che coinvolge l’intero territorio regionale, si prefigge l’obiettivo di cooperare per promuovere uva e vini certificati ai sensi della normativa vigente, per garantire l’innovazione tecnologica del settore, la crescita e lo sviluppo delle imprese site nelle aree rurali, attraverso la partecipazione attiva dei territori, ai fini del recupero e della valorizzazione della tradizione enologica quale fattore di sviluppo sostenibile.

“I Distretti produttivi – dichiara l’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci – nascono per sostenere e favorire le iniziative e i programmi di sviluppo su base territoriale e mirano a rafforzare la competitività, l’innovazione, l’internazionalizzazione, la creazione di nuova e migliore occupazione e la crescita delle imprese che operano in diversi settori, dall’agricoltura ai servizi alle imprese. In questo caso specifico, riconosciamo nel Distretto che si sta costituendo tutto l’impegno e l’importanza di un settore che è stato negli anni uno dei settori traino della Puglia. Attraverso l’unione delle forze di imprese, associazioni e istituzioni all’interno del Distretto, insieme all’assessorato all’Agricoltura – conclude Delli Noci – lavoreremo con più forza per valorizzare il comparto a livello nazionale e internazionale”.

“Sono soddisfatto per questo ulteriore traguardo – commenta l’assessore all’Agricoltura, Donato Pentassuglia, a poche ore dall’approvazione della delibera di Giunta – che ha l’obiettivo di rafforzare il settore vitivinicolo regionale attraverso un Distretto che è un vero e proprio incubatore pensato per sostenere, innovare, accelerare lo sviluppo del sistema imprenditoriale e far crescere il brand pugliese. Questo riconoscimento, per il quale ringrazio anche l’assessore allo Sviluppo Economico Delli Noci, è certamente un primo passo significativo per dare valore agli sforzi e all’impegno di tutti gli operatori della filiera, uniti anche in forma associativa e consorziale, che, sottoscrivendo un protocollo d’intesa, hanno deciso di cooperare rappresentando oggi una voce più forte e quanto più rappresentativa del mondo del vino pugliese. I Distretti agroalimentari sono un virtuoso modello di governance che hanno l’obiettivo di valorizzare le produzioni locali di qualità, tracciate e certificate, sì da competere con un mercato sempre più ampio, nazionale e internazionale. Alla Regione spetta il compito di supportare il suo operato per raggiungere un obiettivo comune, che è la crescita del nostro sistema produttivo e delle nostre aziende”.

Dopo questa prima fase e per la costituzione definitiva del Distretto, il Nucleo promotore dovrà presentare il piano delle attività che passerà al vaglio del Nucleo tecnico di Valutazione prima di essere approvato dalla Giunta.



In questo articolo:


Change privacy settings