L’odissea dei pendolari del Gargano lungo la tratta da Vieste a Manfredonia. “Frane e nubifragi, strada troppo pericolosa”

Un giovane docente: “Si intervenga presto”. Intanto, il presidente della Provincia Gatta avverte: “C’è finanziamento”. Il sindaco di Vieste Nobiletti: “Spero stavolta si mantengano promesse”

Dopo aver scritto ai rappresentanti istituzionali dei comuni di Mattinata e Vieste e al presidente della Provincia di Foggia, il gruppo di pendolari che giornalmente percorre per motivi di lavoro la sp 53, la litoranea del Gargano, è tornato a protestare. Questa volta direttamente sulla strada che collega le due località garganiche. Il portavoce è Nicola Rinaldi, giovane docente dell’Istituto Alberghiero di Manfredonia. “Oggi per recarmi a Manfredonia da Vieste è stata un’odissea a causa dei forti nubifragi. Ribadisco ancora una volta che questa strada è pericolosissima. Si intervenga presto, prima che sia troppo tardi. Chiediamo semplicemente la messa in sicurezza dell’intero tratto e il miglioramento del segnale telefonico”.

Sulla questione abbiamo intervistato anche il presidente della Provincia, Nicola Gatta. “La Provincia di Foggia ha adottato la determinazione che approva la documentazione propedeutica al Bando di Gara, alla cui pubblicazione provvederà Invitalia spa, relativo alla viabilità a servizio del distretto turistico del Gargano per la sistemazione funzionale della SP 53 Mattinata-Vieste. Un progetto di grande rilevanza per il comprensorio garganico e la Capitanata, dell’importo complessivo di 47 milioni di euro, che sarà finanziato con i ribassi di gara dei primi quaranta progetti previsti nel CIS Capitanata, quest’ultimo, attualmente, ha già finanziato, per un importo di 2.350.000 euro, la progettazione. Ma nel frattempo provvederemo ad effettuare interventi di massima urgenza”.
E il sindaco di Vieste Giuseppe Nobiletti? “Questa volta spero davvero che il presidente mantenga le promesse e che ci dia anche a noi del Gargano un po di bitume…”.

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come



In questo articolo:


Change privacy settings