“Equivoco gigantesco sul Gino Lisa”, Emiliano: “Nervo scoperto dei foggiani, serve costruire progetto”

Il governatore della Puglia: “L’unica certezza oggi è che dopo 40 anni Foggia ha una pista e un aeroporto degno di questo nome che può ospitare qualunque volo”

Michele Emiliano torna in Capitanata, e da Manfredonia fa chiarezza sul futuro dell’aeroporto di Foggia. “Sul Gino Lisa c’è un equivoco gigantesco. L’altra volta ho semplicemente evidenziato quelle che sono le regole di gestione degli aeroporti, ovvero che bisogna trovare delle compagnie private che abbiano un utile per avviare i voli. Quello che la Regione cercherà di fare al più presto è un grande piano turistico destagionalizzato per avere sul Gargano e sui Monti Dauni, ma anche nella stessa città di Foggia, quella attrattività che va oltre il mare e la natura. E siccome è un nervo scoperto quello dei foggiani, evidentemente la verità che ho detto sullo scalo dauno ha un po’ colpito. L’unica certezza oggi è che dopo 40 anni Foggia ha una pista e un aeroporto degno di questo nome che può ospitare qualunque volo. Tutto questo è merito solo della mia amministrazione, mia e del vice presidente Raffaele Piemontese. Ora con le imprese e gli imprenditori turistici della Capitanata dobbiamo costruire il successo dell’aeroporto con la massima determinazione”.

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come





Change privacy settings