Rotice è raggiante: “Da Berlusconi uno degli auguri più belli. Il mio primo atto? Rinunciare a stipendio da sindaco”

Proclamazione per l’imprenditore uscito vincitore dal ballottaggio del 21 novembre

“Bello sentirsi dire che sono il sindaco del popolo. Ho ricevuto tanti messaggi di affetto, anche da Berlusconi che mi ha detto ‘forza Manfredonia’”. È raggiante Gianni Rotice nel giorno della proclamazione quale nuovo sindaco della città sipontina. La sua elezioni ha messo fine ad un trentennio targato Pd.

Ed ora il primo cittadino scalpita per cominciare: “Appena saranno conclusi tutti gli adempimenti prenderò possesso dell’incarico. Il mio primo atto, come già annunciato, sarà quello di rinunciare allo stipendio per devolverlo alle fasce deboli. Poi verranno tutti gli atti amministrativi che mettano in moto la città”.



In questo articolo:


Change privacy settings