“No alla violenza”, Foggia in prima linea per fermare gli abusi sulle donne. L’impegno dell’associazione “Il Girasole”

Cristina Bubici: “Ancora molti i casi in cui le violenze non vengono denunciate, ma dobbiamo reagire e possiamo farlo anche attuando azioni di prevenzione e sensibilizzazione sul tema”

Ci sarà anche Il Girasole all’iniziativa #No alla violenza in programma il 25 novembre, data in cui l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sollecita tutti gli Stati a organizzare attività di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema della violenza contro le donne. La manifestazione è promossa in collaborazione con l’Istituto Comprensivo “Dante Alighieri” di Foggia, la Parrocchia Regina della Pace e l’AICS.

La giornata vivrà di due momenti: la mattina, alle ore 11.30 in piazza Cesare Battisti, vedrà l’esposizione della mostra dell’artista Pietro Ricucci e l’intervento di Cristina Bubici, psicologa e psicoterapeuta. Nel pomeriggio, a partire dalle ore 18, ci sarà un ricco pomeriggio presso la chiesa Regina della Pace: protagonisti saranno i ragazzi dell’associazione “Il Girasole”, parrocchia “Regina della Pace”, gli alunni della scuola “Dante Alighieri”. Special guest della serata sarà la cantante Ylenia Albanese.

“Uniti si può dire no alla violenza, sulle donne e su chiunque altro – afferma Cristina Bubici – il numero di donne vittime di abusi di genere è in aumento, perché sono ancora molti i casi in cui le violenze non vengono denunciate, ma dobbiamo reagire e possiamo farlo anche attuando azioni di prevenzione e sensibilizzazione sul tema, come nel caso della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, e con Il Girasole siamo fortemente impegnati su questi temi perché crediamo che coinvolgendo attivamente i bambini e i ragazzi che possiamo costruire un futuro migliore. E’ a loro principalmente che dobbiamo insegnare il linguaggio della non violenza, del rispetto e della gentilezza perchè partendo da loro possiamo sperare in un domani senza episodi di violenza”.



In questo articolo:


Change privacy settings