Il Foggia acciuffa l’Avellino al 94′! Bomber Ferrante evita la sconfitta ai rossoneri. Al Partenio è 2-2

I satanelli non mollano e grazie ai suoi attaccanti strappano un punto nella tana dei lupi. Zeman ferma Braglia

Il girone d’andata del Foggia si chiude nella “tana dei lupi”, al Partenio di Avellino. Zeman sfida Braglia, entrambi allenatori molto esperti, e sorprende tutti schierando dal primo minuto Merkaj e Maselli. Questa la formazione rossonera: Volpe; Garattoni, Sciacca, Di Pasquale, Nicoletti; Garofalo, Maselli, Gallo; Merkaj, Ferrante, Curcio. I campani, imbattuti da undici turni, rispondono con un 3-4-3: Forte; Ciancio, Dossena, Silvestri, Bove; Mignanelli, Matera, D’Angelo; Kanouté, Maniero, Di Gaudio.

La cronaca
La partita inizia molto vivacemente e dopo solo un minuto l’Avellino conquista già un calcio d’angolo. Dopo pochi istanti, Gallo registra il primo tiro per il Foggia. Al 3′ ci prova anche Garofalo dalla distanza, palla a lato. L’Avellino impensierisce il Foggia soprattutto nella parte centrale del primo tempo. Al 23′ Volpe respinge un tap-in ravvicinato di Maniero, e un minuto dopo Silvestri impatta di testa mandando la sfera sul fondo. Al 29′ il Foggia torna a rendersi pericoloso con Garofalo, ex di giornata, che di testa sfiora il palo. Il centrocampista rossonero al 37′ impegna Forte. Pochi istanti dopo anche Di Pasquale spaventa i padroni di casa con una deviazione ravvicinata sugli sviluppi di un corner. La prima frazione finisce 0-0.

Al 52′ l’Avellino sblocca il match: Ciancio serve bene Maniero che trafigge Volpe. Al 56′ Zeman sostituisce Maselli e Merkaj per Rocca e Tuzzo, ma a pareggiare il punteggio ci pensa Di Pasquale al 63′: il difensore rossonero fredda Forte con un gol bellissimo dalla distanza. Al 72′ Curcio imbuca Tuzzo con un filtrante che spacca la difesa campana, ma che è leggermente impreciso e non permette all’esterno destro di gestire la sfera. Al 78′ doppia occasione per l’Avellino: Aloi colpisce la traversa grazie ad un paratone di Volpe. Nell’azione successiva, ancora Aloi sigla il 2-1 ma l’arbitro annulla la rete per un fallo in attacco. Al 79′ Di Gaudio è lanciato a rete, ma viene steso da Rocca appena fuori dall’area rossonera. Maniero si incarica della battuta del calcio di punizione e con una sassata rasoterra batte Volpe sul suo palo. 2-1 per i padroni di casa. Il Foggia risponde con Ferrante all’84’: l’argentino scambia con Curcio e conclude di poco alto sopra la traversa. Al 93′ Curcio accarezza la traversa con un’incornata su cross di Petermann. I rossoneri continuano a crederci e al 94′ Curcio serve un assist splendido a Ferrante che con freddezza buca Forte. Al Partenio finisce 2-2 una gara spettacolare. La determinazione dei rossoneri, la tecnica di Curcio in un assist geniale e la zampata di Ferrante permettono al Foggia di pareggiare in casa dei lupi.



In questo articolo:


Change privacy settings